Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

Province: il CDM ha approvato il decreto

Cinquantuno province, città metropolitane comprese, invece delle ottantasei attuali. Il riordino delle province diventerà operativo il primo gennaio del 2014. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri che oggi ha dato il via libera al riordino delle province, provvedimento previsto nell’ambito della spending rewiev. In Emilia- Romagna, dove il via libera dell’assemblea legislativa al la nuova mappa tracciata dal Consiglio delle autonomie locali, era arrivato il 22 ottobre, le province passano da 9 a 4 e Bologna diventa città metropolitana. Il riordino vede l’accorpamento di Piacenza e Parma e quello di Reggio Emilia e Modena. Ferrara manterrà l’assetto attuale mentre le province della Romagna andranno a formare un unico ente che unirà Ravenna, Forlì, Cesena e Rimini.
Il primo gennaio del 2013 decadranno le attuali giunte e a novembre del prossimo anno si voterà per eleggere i nuovi vertici. “Un processo irreversibile” così il ministro della funzione pubblica Filippo Patroni Griffi ha definito la riduzione delle province, spiegando che il governo “si è mosso tra spinte opposte: spinte al mantenimento dello status quo e spinte alla cancellazione totale”.
Venute meno le giunte provinciali, nella fase di transizione, sarà possibile per i presidenti delegare non più di tre consiglieri. Nel decreto il Governo ha inoltre confermato “il divieto di cumulo di emolumenti per le cariche presso gli organi comunali e provinciali” e “l’abolizione degli assessorati”.
Il primo gennaio del 2014 diventeranno operative anche le città metropolitane, volute per sostituire le province dei maggiori poli urbani della penisola. Previste fin dal 1990, le città metropolitane con la Riforma del titolo V del 2001 sono state inserite anche nella Costituzione. Dal primo gennaio del 2014 dunque Bologna diverrà città metropolitana. Lo statuto del nuovo organismo verrà varato dalla Conferenza per la città metropolitana che riunisce i sindaci della provincia e che si è insediata lo scorso 22 ottobre.
“Il riordino delle Province – hanno sottolineato in conferenza stampa a Palazzo Chigi i ministri Patroni Griffi e Cancellieri – è il primo tassello di una riforma più ampia nel cui ambito verranno riorganizzati gli uffici territoriali di governo tra cui prefetture, questure e motorizzazione civile”. Solo al termine della fase di riordino, ha sottolineato Patroni Griffi, “potremo calcolare nello specifico i risparmi effettivi che l’intera riforma produrrà”.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:25 ram:35224608