Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

11 Giugno 2002: gli Usa restituiscono a Meucci l’invenzione del telefono persa per 180 dollari…

Il brevetto definitivo della sua invenzione, il “teletrofono” (con in sé tutti i principi di funzionamento del moderno telefono elettrico), gli sarebbe costato 200 dollari. Ma Antonio Santi Giuseppe Meucci – nato a Firenze nel 1808 emigrato nelle Americhe, come rifugiato politico, nel 1935 – tutti quei soldi non li aveva. Uscito da una serie di dissesti finanziari, non ultimo il fallimento di una sua fabbrica di candele nella quale aveva dato lavoro anche all’amico e “confratello” esule Giuseppe Garibaldi (erano entrambi massoni), l’inventore italiano era riuscito a metterne insieme solo 20 di quei 200 dollari, e per i 180 dollari mancanti non potè tutelate l’invenzione del secolo, l’invenzione che l’avrebbe potuto rendere miliardario.
Fu invece l’americano Alexander Graham Bell ad aggiudicarsi il brevetto, e sulla base di questo costruire la più grande impresa telefonica degli Usa (la Bell Company) ed a farsi considerare per oltre un secolo l’effettivo inventore del telefono. A nulla valse la causa intentata a suo tempo (1887) dallo stesso Meucci che, senza soldi, per giunta italiano e non americano, non potè fare molto contro Bell che a quel tempo era già diventato un colosso dell’industria americana.
Antonio Meucci proclamò fino alla morte (avvenuta Staten Island nel 1889) la primogenitura dell’invenzione del telefono. Dopo la sua morte ci fu però chi portò avanti la sua battaglia di principio (in particolare il ricercatore Basilio Catania e la Federazione Italiana di Elettrotecnica), ottenendo l’11 Giugno del 2002 una risoluzione solenne del Congresso degli Stati Uniti (registrata con il numero 269) nella quale si riconosce che Meucci fu il vero inventore del telefono, e che se avesse avuto i soldi per pagare il brevetto nel 1871, il suo rivale Alexander Graham Bell non avrebbe potuto acquisire la paternità dell’invenzione. Purtroppo per Meucci si è trattato di un riconoscimento postumo e solo onorifico, in quanto nel 2002 erano comunque scaduti i termini legali per qualsiasi rivalsa di natura economica.

.
.
.
AGENDA STORICA DELL’11 GIUGNO

1184 a.C.: Secondo alcuni filologi storici potrebbe essere questo il giorno in cui Troia fu conquistata dagli Achei.

1905: Il Papa Pio X avvalla e benedice, con la Lettera Enciclica “Il Fermo Proposito”, l’impegno dei “laici cattolici”, ovvero dell’Azione Cattolica italiana, e le loro molteplici opere di zelo per il bene della Chiesa e della Società, impegno con il quale i laici sottraevano il clero al pericolo di dare maggiore importanza alle questioni materiali (e politiche) del popolo, trascurando le prioritarie incombenze spirituali del proprio ministero.

1963: Il governatore segregazionista, George Wallace, tenta fisicamente di impedire l’entrata di due studenti di colore nei locali dell’Università dell’Alabama, interponendosi di persona sulla soglia.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

L’11 Giugno nascono il drammaturgo inglese Ben Jonson (1572-1637), il compositore tedesco Richard Strauss (1864-1949), l’oceanografo francese Jacques Cousteau (1910-1997), il comico Giobbe Covatta (1956) ed il pilota Jean Alesì (1964).

Nello stesso giorno ci lasciano il filosofo Jiulis Evola (1898-1974), l’interprete di Star Trek DeForrest Kelley (1920-1999), l’attore americano John Wayne (1979-1907), il presidente della repubblica Giuseppe Saragat (1898-1988) e lo stilista svizzero Egon von Furstenberg (1946-2004).


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7007 articoli inseriti

Copyright © 2016 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:34 ram:30397360