Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

11 Febbraio 1929: Patti Lateranensi, al Regno d’Italia costarono allora 3 miliardi di lire (2 miliardi e mezzo di euro attuali)

L’11 Febbraio ricorreva l’anniversario dell’apparizione della Madonna a Lourdes. Nel 1929 la Santa Sede scelse proprio quella data, già dotata di una propria aurea di festa, per solennizzare ulteriormente quell’avvenimento, ed allo stesso tempo per manifestare la soddisfazione vaticana per la “qualità” dell’accordo raggiunto. Accordo che poneva fine al lungo contenzioso apertosi dal tempo della “breccia di Porta Pia” (20 Settembre 1870) ovvero con la presa militare di Roma con cui il nuovo regno italiano aveva posto fine al potere temporale del papato, incamerandone i territori.

Il nuovo concordato fra Regno d’Italia e Chiesa sanciva di fatto la nascita di un nuovo stato denominato “Città del Vaticano” e riconosceva alla Chiesa Cattolica lo status di “religione di Stato”, con varie conseguenze sul piano civile e della pubblica istruzione. La legge italiana sul matrimonio venne infatti resa conforme a quella della Chiesa Cattolica, il clero venne esentato dal servizio militare, e l’insegnamento della religione cattolica venne introdotto come materia obbligatoria nell’ordinamento scolastico (divenne facoltativo solo con l’ultima revisione del Concordato firmata dal cardinale Casaroli e Bettino Craxi nel 1984).

Non mancavano quindi motivi di soddisfazione per il papa Pio XI per l’accordo raggiunto con il capo del governo italiano di allora, Benito Mussolini, arrivando a definirlo “l’uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare” nel corso di un’udienza concessa ai professori ed agli studenti dell’Università di Milano, due giorni dopo la firma dei Patti Lateranensi.
E’ con profonda compiacenza che crediamo di avere ridato Dio all’Italia e l’Italia a Dio”, disse nella medesima occasione Pio XI.

Fra i motivi di soddisfazione del papa per il patto stabilito con l’Italia, rientravano certamente anche quelli economici: il nuovo Stato Vaticano era stato infatti totalmente esentato da tasse e dazi sulle proprie merci, ed inoltre aveva ottenuto un risarcimento record di quasi 3 miliardi delle lire di allora (che oggi avrebbero un valore di due miliardi e mezzo di euro): per la precisione “1 miliardo e 750milioni di lire in contanti ed un ulteriore miliardo di lire in titoli di stato consolidati al 5 per cento annuo, al portatore”, tutto questo per i danni finanziari subìti dalla Stato Pontificio in seguito alla fine del potere temporale del Papa.

Pochi lo sanno, ma quello dell’Italia con lo Stato Vaticano non fu l’unico accordo concordatario stabilito dal Papato. Analoghi concordati, finalizzati a rendere libera la pratica della religione cattolica, furono infatti firmati all’epoca con la Lettonia (1922), con la Baviera (1924), con Lituania e Romania (nel 1927), con la Prussia (1929), con il Baden (1932) e con la Germania nazista (1933).

Il Concordato incluso nei Patti Lateranensi (ma non il Trattato fra Italia e Vaticano) fu rivisto nel 1984. Tale revisione fu siglata il 18 Febbraio di quell’anno dal presidente del consiglio di allora, Bettino Craxi, e dal cardinale Agostino Casaroli in rappresentanza della Santa Sede.

Il nuovo concordato poneva fine alla definizione di “religione di Stato” per quanto riguardava la Chiesa Cattolica e rendeva facoltativo e non più obbligatorio l’apprendimento della religione nelle scuole statali, in compenso garantiva nuovi flussi di finanziamento alla Chiesa, destinando una frazione (l’otto per mille) del gettito fiscale dell’Irpef al cosiddetto “sostentamento del clero”.

Di fatto l’articolo 7 del nuovo concordato ha reso obbligatorio per lo Stato Italiano il finanziamento delle attività e del personale per il funzionamento della Chiesa cattolica in Italia (nel 2000 si calcolava che nel nostro paese vi fossero circa 16.500 istituti religiosi, oltre 27mila parrocchie e circa 16mila enti cattolici di varia natura).

Oltre all’otto per mille, lo Stato è impegnato a garantire la deducibilità delle libere offerte destinate alla Chiesa fino ad importi di due milioni; il pagamento degli stipendi a funzionari/operatori religiosi impegnati in settori della pubblica amministrazione (scuola, forze armate e di polizia, carceri, ospedali); a concedere esenzioni dell’Iva e dall’imposta su terreni e fabbricati e sulle successioni; contributi diretti alle scuole confessionali (materne non statali, elementari parificate, ecc.) oltre a contributi alle famiglie non abbienti che mandano i loro figli presso tali scuole private; finanziamenti pubblici per la costruzione e manutenzione di edifici di culto; contributi a strutture religiose che svolgono servizi sociali; condizioni particolari per istituti bancari e società finanziarie riconducibili al Vaticano operanti in Italia.

In quanti euro si traduce tutto ciò? Un calcolo quasi impossibile da determinare. Ci ha provato qualche tempo fa un’inchiesta del giornalista Curzio Maltese su Repubblica, che è giunto a quantificare in circa quattro miliardi di euro il volume complessivo di finanziamenti diretti e indiretti da parte dei contribuenti italiani al Vaticano ed alla Chiesa Cattolica.

Un miliardo all’anno proviene dall’otto per mille; 650 milioni sono destinati agli stipendi dei 22mila insegnanti dell’ora di religione; 700 milioni è l’importo versato da Stato ed Enti Locali per le convenzioni con istituti religiosi nella scuola e nella sanità.

Ci sono poi i benefit fiscali della Chiesa che si traducono comunque in mancato gettito per l’erario italiano: dai 400 ai 700 milioni di esenzioni Ici; fino ai 500 milioni per le esenzioni da Irap, Ires e altre imposte,

L’inchiesta di Repubblica parla inoltre di altri 600 milioni di elusione fiscale legalizzata per altre attività, quale ad esempio il turismo religioso che muove ogni anno, tramite agenzie e strutture dello stesso movimento cattolico, circa 40milioni di visitatori e pellegrini.

Il totale, sempre secondo il quotidiano La Repubblica, farebbe dunque circa quattro miliardi di euro sostanzialmente quasi un Ponte sullo Stretto di Messina all’anno.

.
.
.
.
.
AGENDA STORICA DELL’11 FEBBRAIO

660 a.C: L’11 Febbraio è considerata la data ufficiale di fondazione del Giappone da parte dell’Imperatore Jimmu Tenno

49 a.C: “Il dado è tratto!”, è la frase consegnata alla storia da Caio Giulio Cesare, oltrepassando il fiume emiliano Rubicone, “Alea iacta est”

1752: Viene aperto in Pennsylvania il primo ospedale pubblico americano. Fortemente voluto da Beniamino Franklin e dalla massoneria alla quale apparteneva.

1790: La Society of Friends presenta una petizione al Congresso degli Stati Uniti per l’abolizione della schiavitù.

1809: Robert Fulton brevetta la nave a vapore

1843: Prima dell’opera “I Lombardi alla prima crociata” di Giuseppe Verdi a Milano

1848: Dopo una serie di moti e sommosse in varie parti del regno, Ferdinando II è costretto a promulgare la Costituzione del Regno delle due Sicilie.

1858: Prima apparizione della Madonna a Lourdes. La Beata Vergine Maria appare alla bambina Bernadette Soubirous , che verrà in seguito proclamata santa.

1929: Il cardinale Pietro Gasparri e Benito Mussolini firmano i Patti Lateranensi tra Vaticano e Regno d’Italia

1953: Il presidente statunitense Dwight Eisenhower rifiuta la richiesta di clemenza per Ethel e Julius Rosenberg, accusati di spionaggio atomico in favore dell’Urss.

1978: Shakespeare diventa un autore proibito nella Cina Comunista. La Cina mette all’indice anche le opere di Aristotele e Charles Dickens, vietandone la lettura e la diffusione.

1979: L’Ayatollah Ruhollah Khomeini prende il potere in Iran

1990: In Sudafrica viene liberato Nelson Mandela dopo 27 anni di carcere. L’11 Febbraio diventerà la data simbolica per ricordare l’abolizione dell’apartheid

2004: L’imprenditore italiano Sergio Cragnotti viene arrestato per il crac della Cirio. Il processo è tuttora in corso.

.
.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

L’11 Febbraio nascono l’inventore Thomas Alva Edison (1847-1931), il filosofo tedesco Hans Georg Gadamer (1900-2002), il politico panamense Manuel Noriega (1938), l’attrice Jennifer Aniston (1969), la modella Magda Gomes (1968).

Nello stesso giorno ci lasciano il filosofo e matematico Renè Descartes (1596-1650), lo scrittore di fantascienza Frank Herbert (1920-1986), il filosofo della scienza austriaco Paul K. Feyerabend (1924-1994), la scrittrice e poetessa Sylvia Plath (1932-1963).


Autore

Articolo scritto da: | 7149 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:33 ram:37796288