Telesanterno Gtv S.r.l.
Email: [email protected]
Phone: +3905163236
Url:
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore, BO 40013
photo of Telesanterno Telesanterno Television Gtv S.r.l.
Gtv S.r.l.
Via C. Bonazzi 51
Castelmaggiore,BO,40013 Italy
+3905163236
Jabber
Television

This hCard created with the hCard creator.

1° Ottobre 1946: Il verdetto di Norimberga

Il primo Ottobre di 64 anni fa una corte internazionale, comprendente due giudici britannici (fra cui il presidente dello stesso tribunale Geoffrey Lawrence), due statunitensi, due sovietici e due francesi, in pratica magistrati rappresentanti di tutte le principali nazioni vincitrici della Seconda Guerra Mondiale, pronunciò il verdetto finale del Processo di Norimberga a carico dei principali 24 capi nazisti catturati o ritenuti ancora in vita e in contumacia.
In realtà il Processo di Norimberga fu un duplice raggruppamento di processi a nazisti coinvolti in crimini di guerra legati agli avvenimenti bellici della seconda guerra mondiale, ed in crimini contro l’umanità legati alla Shoa ed alla persecuzione degli ebrei e di altre etnie.
Oltre i 24 alti gerarchi nazisti processati nel principale Tribunale di Norimberga, furono infetti ben 200 i tedeschi imputati di crimini di guerra giudicati nella stessa città, mentre altri 1.600 tedeschi furono giudicati invece attraverso altri canali della giustizia militare.
La scelta di Norimberga come sede della Corte Internazionale (i sovietici avrebbero preferito Berlino) fu in gran parte legata al fatto che il suo Palazzo di Giustizia fosse l’unica corte tedesca abbastanza grande, e risparmiata dai bombardamenti, per poter contenere un processo di quella portata. L’edificio disponeva anche di una ampia prigione annessa, nella quale era possibile custodire in sicurezza imputati di quella caratura (fatto che però non impedì a Goering si sottrarsi al patibolo, avvelenandosi assieme alla sua famiglia, prima dell’esecuzione).
Naturalmente ebbe un certo peso anche la collocazione di Norimberga nel settore Occidentale, ed in particolare in quello Statunitense, che offriva, almeno apparentemente, maggiori garanzie di giustizia, che di vendetta rispetto alla collocazione in una città del settore Orientale controllato dai russi, che per i milioni di morti subiti dall’invasione tedesca, apparivano più desiderosi di un castigo capitale per gli uomini del Furher.
Norimberga aveva anche un aspetto simbolico per gli stessi tedeschi: era proprio questa la sede delle più grandi “celebrazioni di partito” del nazismo, ed ora ne diveniva l’emblema della sconfitta e dell’espiazione.
Norimberga doveva insomma diventare la sede permanente non solo del primo e più importante Processo della Alleati vincitori ai nazisti sconfitti, ma anche di una serie di successivi processi cui sarebbe stata sottoposta gran parte della classe dirigente compromessa con il regime di Hitler. Ma così non fu, perché le logiche della Guerra Fredda finirono per bloccare, e di fatto “disperdere”, la corte internazionale. Non prima che, il 1° Ottobre del 1946, la corte emettesse, nel primo e principale processo di Norimberga, uno storico verdetto, con 12 condanne a morte, 3 ergastoli, altre 4 condanne a 10, 15, 20 e 30 anni di carcere, 3 assoluzioni, mentre altri 2 imputati non furono giudicati (uno per motivi di età e di salute, l’altro perché si suicidò in cella prima dell’inizio del processo).
.
.
.
AGENDA STORICA DEL 1° OTTOBRE

331 a.C.: Dario III di Persia viene sconfitto da Alessandro Magno nella battaglia di Gaugamela.

1774 – Il Re di Sardegna, Vittorio Amedeo III, istituisc e la Legione delle Truppe Leggere, corpo militare da cui discende direttamente l’attuale Guardia di Finanza.

1869: La prima Cartolina Postale viene emessa dall’Austria.

1888: Scotland Yard riceve la seconda lettera di Jack lo squartatore.

1903: Viene disputata la prima gara delle moderne World Series di baseball, fra i Boston Americans ed i Pittsburgh Pirates.

1906: Nasce a Milano la Confederazione Generale del Lavoro.

1918: Lawrence d’Arabia alla guida di forze arabe conquista Damasco.

1949: Mao Tze Tung dichiara la costituzione della Repubblica Popolare Cinese.

1958: Nasce la NASA, creata per sostituire la NACA.

1977: Il ritiro di Pelè, stella del calcio brasiliano, considerato il più grande giocatore di tutti i tempi.

1982: Philips e Sony lanciano sul mercato il compact disc. In prima battuta sul mercato giapponese (in quello europeo e americano lo sarà nel marzo 1983). Il compact disc (CD) è il primo sistema digitale di registrazione per il mercato amatoriale .

1985: Forze aeree israeliane bombardano il quartier generale dell’OLP a Tunisi.

1998: Un nuovo personaggio assurge sulla scena politica russsa. Vladimir Putin diventa un membro permanente del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa.

2009: La Sicilia è colpita da un violento nubifragio. Nelle città di Messina e Palermo si registrano decine di morti e di dispersi. Viene proclamato lo stato d’emergenza.
.
.
.
COMPLEANNI E LUTTI

Il primo Ottobre vedono la luce Santa Rita da Cascia (1381-1457), il pianista ucraino Vladimir Horowitz(1903-1989), l’attore statunitense Water Matthau (1920-2000), l’ex presidente Usa Jimmy Carter (1924), l’attore americano George Peppard (1928-1994), la presentatrice Tv Milly Carlucci (1954), la cantante senegalese Youssou N’Dour (1959), il cantautore bolognese Samuele Bersani (1970), il personaggio dei fumetti Dylan Dog (1988) investigatore dell’occulto, e il conduttore televisivo Daniele Bossari (1974).

Nello stesso giorno cessano di vivere il filosofo Marsilio Ficino (1433-1499) ed il fotografo americano Richard Avedon (1923-2004).
.
.
.
FESTE E RICORRENZE

Repubblica Popolare Cinese – Festa nazionale
Nigeria – Festa nazionale
San Marino, i due Capitani reggenti, eletti dal parlamento, entrano in carica per sei mesi.
Tuvalu – Festa dell’indipendenza
.
.
.


Twitter Facebook StumbleUpon Delicious LinkedIn BlinkList
Redazione

Autore

Articolo scritto da: | 7145 articoli inseriti

Copyright © 2017 Telesanterno. All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - sede operativa v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna - tel: 051 63236 - fax: 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 2.692.375,00 i.v.
Concessionaria per la pubblicità per questa televisione Publivideo2 Srl.

q:23 ram:35329808